dove ti trovi: Ufficio Amministrativo 2013 » Parrocchie 
Share

Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici    versione testuale

 
Accanto al parroco, unico amministratore della Parrocchia e suo legale rappresentante, l’ordinamento canonico prevede la presenza del Consiglio parrocchiale per gli affari economici (CPAE): “In ogni parrocchia deve essere costituito il consiglio parrocchiale per gli affari economici, retto, oltre che dal diritto universale, dalle norme date dal Vescovo diocesano. I fedeli che ne fanno parte, scelti secondo le medesime norme, hanno il compito di aiutare il parroco nell’amministrazione dei beni della parrocchia” (can. 537).

A riguardo così si esprime l’Istruzione in materia amministrativa (IMA): “Le norme date dal Vescovo possono utilmente consistere in un regolamento del consiglio parrocchiale per gli affari economici, da adottarsi in tutte le parrocchie”. Per la nostra Diocesi ciò è avvenuto con l’emanazione dello Statuto del CPAE approvato dal Sinodo Diocesano Udinese V

 

Accordo AMGA energia&servizi - Arcidiocesi di Udine Accordo AMGA energia&servizi - Arcidiocesi di Udine

L'Arcidiocesi ha stipulato una convenzione con la società AMGA Energia&Servizi s.r.l. per la fornitura di energia elettrica e gas naturale alle Parrocchie e a tutti gli enti ecclesiastici soggetti alla giurisdizione del Vescovo.

Ambienti Parrocchiali Ambienti Parrocchiali

Alcune indicazioni per le parrocchie che intendono concedere in uso gli ambienti parrocchiali per iniziative di terzi.

Sicurezza in parrocchia Sicurezza in parrocchia

Alcune indispensabili istruzione per le parrocchie al fine di garantire la sicurezza negli edifici e durante le attività proprie delle parrocchie.

Per approfondire Per approfondire

I Consigli per gli affari economici parrocchiali sono invitati ad acquistarlo per avere un'esauriente esposizione delle problematiche amministrative e le conseguenti risposte.

Rendiconto Rendiconto

A norma del canone 1287 §1 la parrocchia è tenuta a presentare il rendiconto all'Ufficio Amministrativo Diocesano, che deve pervenire entro il 31 marzo di ogni anno.